欧洲联赛app

Rudy Bandiera ci parla di realtà virtuale ed aumentata.

欧洲联赛app13/02/2020 11:30:00

ogni tecnologia abbastanza innovativa viene considerata, appena uscita, come del tutto inutile.

da questo assioma sostanziale vorrei partire per parlare di qualcosa che mi sta molto a cuore e che, tra l’altro, vedo come una indiscutibile caratteristica permeante nel nostro futuro. sto parlando di realtà virtuale e realtà aumentata. lo so, abbiamo già della confusione in testa, quindi andiamo con ordine.

realtà virtuale: l'esempio di second life.

conoscete il mondo virtuale di second life, l’universo nato nei primi anni 2000 e ad oggi ancora perfettamente funzionante? ve lo racconto in breve perché merita: le complesse attività che si svolgono nel metaverso (così è chiamato il mondo in cui si svolge il “gioco”) sono normate da regole e da tempi e da dinamiche molto simili a quelle del mondo reale: esiste quindi una moneta comune per tutti che è il linden dollar, vestiti, case o strutture di ogni tipo, così come con i soldi si possono comprare auto ed accessori, esattamente come nella vita reale.

欧洲联赛appsi genera il proprio avatar, ovvero il proprio alter ego digitale, che sarà il nostro “personaggio” all'interno del metaverso e il suddetto avatar potrà essere personalizzato a nostro piacimento con migliaia di combinazioni estetiche, per poterlo rendere più simile a noi o più simile a quelle che vorremmo essere.

欧洲联赛appdi fatto, posso vivere una vita alternativa con regole sociali del tutto simili al mondo reale pur non essendo nel mondo reale. ecco, immaginate quello che vi ho appena raccontato con un visore sugli occhi ed avrete la realtà virtuale.

la vr (da virtual reality) è in pratica una realtà non esistente ma generata per noi da una macchina e utilizzata attraverso occhiali per la vr appunto, ovvero quei dispositivi tipo oculus rift che ti permettono di immergerti in un mondo che non esiste. 

欧洲联赛appsi tratta di una realtà generata che non esiste nella realtà. ricordate bene questa definizione perché adesso passiamo alla prossima.

la realtà aumentata.

欧洲联赛appdi realtà aumentata forse non avete mai sentito parlare ma ne avete visto decine di esempi, specie nel cinema (ovviamente) ed in film futuristici come terminator di cameron: vi ricordate quando il perfido arnold schwarzenegger inseguiva sara connor ed aveva informazioni aggiuntive proiettate nei suoi occhi, rispetto al mondo circostante?

欧洲联赛appbene, quella è realtà aumentata.

ma usciamo da hollywood e torniamo in noi: la ar (augmented reality) non è altro che arricchire il mondo che ci circonda con informazioni che non potrebbero essere percepite dai nostri sensi, informazioni che aumentano la consapevolezza della realtà che ci circonda. si tratta di sapere di più in meno tempo.

le differenze tra AR e VR.

per evitare ogni dubbio e confusione realtà aumentata e virtuale sono due cose del tutto diverse, non lo dimentichiamo: la prima è un arricchimento della realtà tramite sensori/visori ma si tratta pur sempre di essere in contatto con il mondo reale, la seconda è una immersione in un modo alternativo, attraverso un visore.

grazie alle aziende vidiemme e rokivo nel mese di settembre 2013 sono stato tra i primi in italia a poter non solo testare, ma usare i google glass per una giornata intera, ovvero gli progettati e sviluppati da google, appunto.

si tratta di un paio di occhiali, originariamente senza lenti, strettamente collegati allo smartphone android da dove recupera connessione e localizzazione. consente di visualizzare in un hud, ovvero uno schermo sovraimpresso che è quello sui cui vedete le informazioni in realtà aumentata, piazzato in alto a destra, un menù con funzionalità che vanno dalla navigazione tramite gps, alla registrazione di video e foto, invio mail, sms e tutto quello che è possibile fare con un normale smartphone.

in pratica la realtà aumentata è la possibilità di percepire ulteriori informazioni sul mondo che ci circonda, rispetto a quelle che avremmo dai nostri 5 sensi.

le potenzialità dell'innovazione tecnologica.


欧洲联赛appLa VR (Virtual Reality) ci proietta e ci fa vivere ed interagire con un mondo che non esiste e la AR (Augmented Reality) ci mostra più informazioni di quelle percepibili dai nostri sensi, ma senza distaccarsi dalla realtà.

欧洲联赛appcome vedete sono due cose molto diverse e con peculiarità distinte ma sinergiche ma, soprattutto, sono due cose che ci fanno esclamare “ma... a cosa servono?!”

欧洲联赛apppartiamo dal presupposto che ogni tecnologia abbastanza innovativa viene considerata, appena uscita, come del tutto inutile dalla maggior parte delle persone e questo accade perché l'innovazione tecnologica vola così veloce da precedere le idee che possono nascere dall'innovazione stessa ma: immaginate di indossare un paio di occhiali che, all'occorrenza, vi aggiungano informazioni richieste o meno, su cose che in qualche modo potrebbero essere di vostro interesse, oppure immaginiamo le implicazioni turistiche o mediche della ar ma anche della vr: operazioni a distanza, viaggi esperienziali virtuali per testare se un luogo ci piace “davvero” o addirittura lavori a distanza fatti tramite vr.

grazie alla ar potremo rispondere ai messaggi in entrata senza toccare nulla, leggendo e rispondendo senza muovere un dito, potremmo visualizzare i menù dei ristoranti senza avere un menù in mano, potremmo fare foto senza una macchina fotografica, filmare, riprodurre video, ascoltare musica, usare facebook o qualunque servizio online, senza nemmeno toccare il device.

欧洲联赛apppotremmo avere le dimensioni in metri quadrati di una stanza solo guardandola, le informazioni “pubbliche” su una persona al primo sguardo, potremmo sapere chi c'è vicino a noi che conosciamo e quale “grado di separazione” abbiamo.

potremmo avere, di fatto, tutte le informazioni possibili immaginabili su qualunque cosa, in qualunque momento, senza usare mani, mouse e tastiere.

uno sguardo verso il futuro.

domani anche l'apprendimento potrà essere in ar o vr perché le informazioni date in ottica emozionale arrivano molto più in profondità che le informazioni date in momenti di distrazione o peggio, di noia. 

sono convinto che non cliccheremo su dei link testuali per il resto della nostra vita così come sono convinto che queste due tecnologie, presenti ormai da tempo, siano ormai mature per esplodere e fare il salto di qualità. 

da quando è stata inventata la macchina da presa e la pellicola a quando sono stati fatti i primi film sono passati diversi anni: siamo molto più veloci ad inventare cose che a capire cosa farci.

Rudy Bandiera

Divulgatore, scrittore, consulente e TEDx speaker: sviluppa strategie e aiuta aziende e professionisti a generare fiducia e a comunicare in modo efficace online.
Ha tenuto lezioni, master e seminari un po’ ovunque, tra questi a IED, Ca' Foscari, UNIBO ed UNIFE, CUOA business school, e ha insegnato “teorie e tecniche di digital public relation” all’Università IUSVE, a Venezia e Verona.
Come relatore ha preso parte a decine di eventi di portata nazionale compresi il TEDx di Bologna, il Senato della Repubblica e la Camera dei Deputati ed ha inoltre presentato -tra gli altri- eventi ufficiali di Google o il TEDx di Roma.
Socio fondatore insieme a Riccardo “Skande” Scandellari di NetPropaganda, un laboratorio academy che si occupa di accompagnare aziende e privati nel creare la propria identità nel mondo digitale.
Ha scritto 4 libri su comunicazione digitale e tecnologia:
- Rischi e opportunità del Web 3.0
- Le 43 leggi universali del digital carisma
- Condivide et impera
- CREA contenuti efficaci